L’imprenditore Enrico Loccioni parla di lavoro e cultura d’impresa

L’imprenditore Enrico Loccioni parla di lavoro e cultura d’impresa. Mercoledì alla Mediateca Montanari di Fano, moderato da Francesca Spigarelli e Attilio Mucelli

L’imprenditore Enrico Loccioni parla di lavoro e cultura d’impresaFANO – Il lavoro sarà la parola chiave del quinto appuntamento della rassegna “Con le parole giuste – le parole della giustizia nella filosofia, nella letteratura, nella società”, organizzata da Comune di Fano – Assessorato alle Biblioteche e alla Legalità Democratica, Mediateca Montanari – MeMo, Biblioteca Federiciana, Fondazione Federiciana, in collaborazione con l’Associazione Nazionale Magistrati – sezione Marche.

Il quinto appuntamento, introdotto il 4 febbraio dalla proiezione del film Tempi moderni di Charlie Chaplin, vedrà protagonista l’imprenditore Enrico Loccioni, che dialogherà con Francesca Spigarelli e Attilio Mucelli, docenti e ricercatori in campo economico; l’incontro si terrà mercoledì 10 febbraio alle ore 18 alla Mediateca Montanari. Dall’alienazione della catena di montaggio si passerà quindi agli esempi virtuosi di fare impresa nel nostro Paese. L’imprenditore marchigiano, nominato Cavaliere del Lavoro nel 2015, racconterà la sua esperienza di fondatore di una delle aziende più competitive in Italia, di come è riuscito a valorizzare collaboratori e territorio e divenire un punto di riferimento e un modello da imitare. Soprattutto si parlerà di cultura d’impresa, un tema sui cui la scienza economica si concentra sempre più.

Da diversi anni, infatti, gli economisti concordano nell’affermare che la figura dell’imprenditore non deve soltanto creare profitto e nuovi posti di lavoro, ma, come affermano Francesca Spigarelli e Attilio Mucelli, “deve riuscire a coinvolgere i propri collaboratori in un’avventura che sia interessante, stimolante e, in particolare, gratificante; deve quindi riuscire a dare un senso al lavoro dei propri dipendenti”. Per vincere questa difficile sfida, “occorre che l’imprenditore possieda le caratteristiche che lo rendono un leader agli occhi dei propri collaboratori”. Se questo obiettivo viene raggiunto, “l’impresa non è più concepita come il luogo dove ci si reca per svolgere il lavoro ed ottenere in cambio del denaro da utilizzare per soddisfare i propri bisogni, bensì si trasforma nello spazio dove ognuno, con ferma convinzione e sentito piacere, partecipa con le proprie competenze ad elevare la propria persona e la società nella quale è inserito.”

In un’intervista Enrico Loccioni ha affermato: “Ho capito come un sogno imprenditoriale sia una forza propulsiva per migliorare la qualità della vita delle persone, delle famiglie, della comunità; come il profitto sia un dovere, perché se non crei ricchezza non la puoi distribuire”. Cultura d’impresa è infatti sinonimo di trasparenza, responsabilità, innovazione, tutela dell’ambiente: l’azienda deve uscire dai propri confini e immergersi nel tessuto sociale in cui opera, avere una visione d’insieme più ampia e lungimirante, ascoltare i vari interlocutori e costruire una rete solida di collaborazioni e sinergie con gli altri attori economici, le istituzioni pubbliche e private. Solo così si può seminare cultura. Forse è proprio questa la chiave per dare nuova linfa al mercato del lavoro e creare nuove opportunità in uno scenario in cui ancora troppe aziende chiudono i battenti. Di questo e di molto altro si discuterà mercoledì 10 febbraio alle ore 18 alla Mediateca Montanari di Fano.

Enrico Loccioni nasce nella campagna marchigiana da una famiglia contadina. Fin da giovanissimo dimostra la sua passione per le tecnologie e nel 1968 inizia la sua carriera imprenditoriale come artigiano nel campo elettrico fondando la sua prima azienda, quella che poi diventerà Loccioni Group, oggi un colosso nell’automazione, il controllo qualità e la sostenibilità dei processi produttivi. Con sede ad Angeli di Rosora, in provincia di Ancona, l’azienda è in continua espansione e collabora con i leader mondiali nei settori dell’automotive, dell’elettrodomestico, del medicale, dell’agroalimentare. Al successo ha sicuramente contribuito la capacità del suo fondatore, oggi presidente della società, di conciliare le tradizioni del passato, del mondo contadino in cui è cresciuto, con le innovazioni, grazie a uno sguardo attento al futuro.

Un suo progetto per la costruzione di una comunità ecosostenibile, la prima in Italia, è diventato anche un libro: 2 km di futuro. L’impresa di seminare bellezza, edito dal Gruppo 24Ore.

Francesca Spigarelli è Ricercatrice dell’Università di Macerata, dove insegna Economia Politica ed Economia Manageriale presso il Dipartimento di Giurisprudenza. Dirige inoltre il China Center, che ha fondato nel 2012; dallo stesso anno ricopre anche la carica di Pro Rettore all’autoimprenditorialità, al trasferimento tecnologico e alla Carta Europea dei Ricercatori all’Università di Macerata. È altresì delegato per l’Internazionalizzazione e la Ricerca del Dipartimento di Giurisprudenza della stessa università e delegato di Ateneo per il tavolo di coordinamento Confindustria Marche. Coordina diversi progetti di ricerca scientifica, nazionali e internazionali, ed è Visiting Professor presso importanti università cinesi e statunitensi.

Attilio Mucelli è Professore associato presso l’Università Politecnica delle Marche, dove svolge attività didattica e di ricerca sui temi dell’Economia Aziendale e della Programmazione e del controllo di gestione. È inoltre socio onorario dell’ISTAO, la Business School fondata nel 1967 dal Prof. Giorgio Fuà ad Ancona. Ha pubblicato diversi volumi e numerosi articoli sulle principali riviste scientifiche e ha coordinato progetti di ricerca nazionali e internazionali sui temi del management. È altresì Visiting Professor presso prestigiose università in Cina e negli Stati Uniti. È stato recentemente nominato Commissario Straordinario dell’ERSU di Ancona, l’Ente regionale per il diritto allo studio.

www.sistemabibliotecariofano.it

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it