E’ scomparso il professor Antonio Vanni

E’ scomparso il professor Antonio Vanni. Un gravissimo lutto ha colpito la comunità di Sant’Angelo in Vado

E’ scomparso il professor Antonio VanniSANT’ANGELO IN VADO – Se n’è andato il Presidente. “In punta di piedi e con sobrietà, confermando le sue caratteristiche umane uniche, il professor Antonio Vanni – commenta “Checco” Francesco Belfiori, collaboratore avisino locale – ci ha lasciato dopo una lunga malattia, nel pomeriggio di domenica 21 febbraio”.

Figura emblema dell’Avis, non solamente vadese, Antonio Vanni è l’uomo che è stato capace di rendere il nobile gesto del donatore sinonimo di normale coerenza civile. Senza fronzoli, ma sempre con estremo garbo. Figura carismatica, seppur mai sopra le righe, una presenza discreta, eppure dal peso specifico importante, sia lungo le strade vadesi, dove amava passeggiare, sia nell’Avis, dove per vent’anni ha ricoperto la carica di presidente, portando il sodalizio di volontari a risultati di primissimo piano. “Ma non era interessato, il Prof. Vanni – continua Belfiori – a primeggiare con numeri e blasoni: era il classico signore d’altri tempi che si compiaceva del merito, solo se questo veniva condiviso dall’intero paese. Sorridente e cortese in ogni occasione, ed in ogni occasione capace di non sprecare mai inutili parole, dote che lo ha sempre fatto ammirare nel mondo avisino ben aldilà dei confini vadesi”.

Nato il 27 febbraio del 1937 nella sua Sant’Angelo, Antonio Vanni era uomo di scuola, avendo a lungo insegnato negli istituti di mezza provincia: “dal mondo della pedagogia aveva appreso la capacità di comunicare e di ascoltare, apprezzando l’individuo e spronando all’aggregazione costruttiva”. Con questo bagaglio umano, nel 1988 diventa Presidente dell’Avis di Sant’Angelo in Vado, carica che ricoprirà con grandi risultati sino al 2007.

“Antonio è stato eccezionale, come uomo, come presidente, come vadese – asserisce commosso l’attuale presidente AVIS Andrea Campana – ho avuto il privilegio di condividere con lui il lungo cammino del sodalizio vadese cogliendone sfumature uniche, doti esemplari di umanità e impegno. Ci mancherà tantissimo.” Responsabilità, garbo, concretezza e misura, queste le cifre di una persona che lascia un vuoto immenso, nella moglie Anna, nelle figlie Silvia e Laura, ma anche in una intera comunità e in un mondo, quello dell’Avis, che da domenica ha perso un caro amico. Le esequie si svolgeranno martedì 23 presso la Cattedrale alle ore 15.30 (eg)

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it