Diotallevi: “Caos parcheggi alla scuola Faa di Bruno di Marotta”

Diotallevi: “Caos parcheggi alla scuola Faa di Bruno di Marotta”

Diotallevi: “Caos parcheggi alla scuola Faa di Bruno di Marotta”

Diotallevi: “Caos parcheggi alla scuola Faa di Bruno di Marotta”

di CARLO DIOTALLEVI*

MAROTTA – Nell’area antistante  le scuole “Faa di Bruno” e “Fantini” in Via Ugo Betti a Marotta c’è una situazione di disagio e pericolo legata alla carenza di parcheggi.

Negli orari di inizio e fine lezione il parcheggio della scuola (di per se sottodimensionato) non riesce a contenere il volume di traffico dei genitori che  accompagnano e riprendono i propri figli, così si creano ingorghi che mettono in pericolo la sicurezza dei bambini.  I parcheggi anche nelle aree limitrofe sono insufficienti e la situazione è al collasso soprattutto dopo che nei giorni scorsi il parcheggio davanti alla caserma dei Carabinieri, in quanto demaniale ad uso esclusivo della caserma, è stato chiuso al traffico e quindi alla possibilità di parcheggio.

Occorre quindi individuare un’area per realizzare nuovi parcheggi. Abbiamo a tal proposito contattato ancora una volta (dopo l’interrogazione del 07/04/2015) l’Assessore Silvestrini chiedendo di prendere in esame la possibilità di utilizzare come parcheggio l’area verde di fronte alla caserma dei Carabinieri che ad oggi è abbandonata ed incolta; sarebbe infatti sufficiente sistemarla con dello “stabilizzato” per evitare di rimanere impantanati nel terreno. L’Assessore si è reso disponibile e ci ha confermato che trattandosi un area privata ovviamente occorrerà trovare un accordo tra Comune e proprietari ma… nulla è impossibile. Per quanto riguarda il parcheggio attuale antistante la scuola si potrebbe studiare la possibilità di realizzare un altro accesso carrabile più a nord  in prossimità della rotatoria di Via Corfù in modo tale da creare un ingresso ed un uscita dal parcheggio distinti per evitare congestioni del traffico.

Ultima considerazione sulla piazzola all’incrocio tra via Betti e via Corfù ( lato monte) dove c’è l’isola ecologica, utilizzata come piccolo parcheggio ma che è impraticabile a causa di enormi “crateri” che dopo le piogge diventano dei veri e propri laghi, in questo caso è necessaria un’asfaltatura.

Con questi modesti interventi si migliorerebbe di molto la sicurezza della zona.

*Consigliere comunale “Progetto Comune” Mondolfo Marotta

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it