Al Mamamia la migliore musica afro di sempre

SENIGALLIA / Al Mamamia la migliore musica afro di sempre. Torna la serata delle leggende con gli special guest Corrado e Ebreo

Al Mamamia la migliore musica afro di sempre SENIGALLIA – La vera storia della musica afro è solo al Mamamia di Senigallia. Una cosa che hanno ormai imparato tutti in questi anni di eventi dedicati al genere musicale reso grande in Italia e in Europa proprio dai dj resident del club, uno fra tutti Fabrizio Fattori. E dopo il successo dell’ultimo maxi evento, sabato 27 febbraio torna Afro Remember All Stars, la notte dedicata ai veri amanti della musica afro. Sarà una serata speciale, perché oltre alla colonna portante Fattori ci saranno altre due leggende: Corrado ed Ebreo.

Dj, produttore e performer, Corrado è una vera e propria icona della scena alternativa italiana ed europea dagli anni Ottanta. Nella sua carriera ha suonato nei locali storici della penisola come St. Louis, Zanzibar, Dylan, Stargate, Spleen, Cotton, Mecca e Cosmic, per non parlare delle tantissime serate all’estero come al celebre Amnesia di Ibiza, ma anche in Germania e Stati Uniti. Corrado ha partecipato a tutti gli eventi di maggior rilievo nel panorama della musica afro e il suo eclettico stile musicale, un misto fra ritmi tribali, voci etniche e percussioni, l’ha consacrato vera star del panorama afro.

Nato il 19 agosto del 1965, creativo ed estroso, un vulcano di idee ed una fonte inesauribile di energia. “Nasco già dj: mia madre era una ballerina ed io mi divertivo a suonare i dischi per lei mentre si allenava. Avrò avuto 5 anni”, così si racconta Corrado Brancaglion. Agli inizi degli anni ’80 il trend musicale nei locali italiani è costituito dall’afro, genere che comprende una molteplicità di stili musicali, quali il reggae, l’afro, il funky, la musica brasiliana e quella elettronica. È in questo ambiente musicale che, nel 1984, Corrado iniziala sua carriera artistica come dj per la discoteca St.Louis di Trento. Inoltre è il primo dj afro italiano a suonare, agli inizi degli anni ’90, in manifestazioni musicali austriache e tedesche. Il suo eclettico stile musicale, un misto fra ritmi tribali, voci etniche e percussioni l’ha consacrato a vera star nel panorama afro. Le sue esibizioni dal vivo sono delle vere e proprie performance di virtuosismo e spettacolo.

Che dire invece di Ebreo? Nasce come dj nel 1977 influenzato fortemente dalla Baia degli Angeli. A cavallo fra il ’79 e l’’80 il suo stile si sposta definitivamente sul funky brazil e comincia a girare i migliori locali d’Italia e d’Europa. Anche lui fu “catturato” dal Jamaè di Monteroberto e contribuì a renderlo grande. Indimenticabili i suoi dischi di fine serata, all’alba, vere e proprie sigle di arrivederci.

Oltre alle due stelle, come detto, anche Fabrizio Fattori, Giamma, Alpha, Tium, Menca, Zizze. Ingresso vietato ai minori di 22 anni, per permettere ai fan della prima ora di questo genere di godersi a pieno la serata.

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it