Al Noir di Jesi tutti con naso rosso e parrucca

Al Noir di Jesi tutti con naso rosso e parrucca: sabato c’è Pajacci, mascherati all’insegna del divertimento

Al Noir di Jesi tutti con naso rosso e parruccaAl Noir di Jesi tutti con naso rosso e parrucca / JESI – Ridi, pagliaccio! Ebbene sì, bisogna ridere e divertirsi… Sempre. Il Noir Club lo sa bene e per sabato 6 febbraio ha in serbo una serata all’insegna dell’ironia. Va infatti in scena Pajacci, un sabato notte alternativo dove chi si travestirà da pagliaccio potrà entrare gratis entro l’una.

“Vesti la giubba e la faccia infarina” recitava l’opera di Leoncavallo, quindi al Noir obbligatorio dare libero sfogo alla fantasia: nasi rossi, parrucche colorate, scarpe oversize e chi più ne ha, più ne metta. Un sabato notte che rispecchierà a pieno lo spirito del Noir. Un party quindi dove tutto sarà concesso, a patto che ci si diverta e si ascolti ottima musica.

Tutto questo sarà un gustoso antipasto in vista dell’evento dell’anno più atteso al Noir Club, ovvero il grande party di Carnevale in programma per martedì 9 febbraio, mitica festa in maschera con ricchi premi e grande musica.

Ma torniamo all’appuntamento di sabato, dove a farla da padrone saranno Frankie di Palma e Danny Pee. Frankie di Palma, foggiano classe 1985, inizia a muovere i primi passi da produttore nella sua regione aprendo numerosi dj set di artisti nazionali e internazionali. Nel 2004 il trasferimento nelle Marche e si fa subito notare, tanto che nel 2007 vince un contest che lo porta ad essere uno dei dj resident del Motorshow di Bologna. Nel 2012 viene promosso resident alla Baia Imperiale, una delle discoteche più belle d’Europa e oggi è pronto a portare tutta la sua carica al Noir di Jesi. A scaldare il popolo della notte uno dei più importanti vocalist della regione: Denny Pee. Dal 2002 una delle voci più cool della riviera, si esibisce in locali di punta come Pineta, Pascià, Millionaire e tanti altri. La sua fama lo porta ad esibirsi anche in Svizzera, ma per capire il suo stile bisogna ascoltarlo. La naturalezza e la semplicità, insieme all’inconfondibile timbro della sua voce e la sua energia conquistano chiunque.

Ma non è tutto. Quando la notte si farà più profonda, spazio a Loris Zerola e Luca Taruchi per FuoriOrario.

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it