Valli: “Dobbiamo ripartire dai nostri punti di forza”

Valli: “Dobbiamo ripartire dai nostri punti di forza”. Il coach della Pallacanestro Senigallia evidenzia i difetti ma anche i tanti pregi dei suoi ragazzi

Valli: “Dobbiamo ripartire dai nostri punti di forza”Valli: “Dobbiamo ripartire dai nostri punti di forza” / SENIGALLIA – Dopo la gara tra Monteroni e Pallacanestro Goldengas Senigallia registriamo le considerazioni  finali del coach Alessandro Valli.

“Peccato per il pessimo secondo quarto (31-12 il parziale) – afferma il tecnico dei senigalliesi – perché altrimenti la prestazione di oggi sarebbe stata da considerare molto positiva, soprattutto in considerazione del fatto che Monteroni al completo (cosa capitata poco quest’anno visti gli infortuni frequenti di Rodríguez e Potì) e con l’aggiunta adesso di due nuovi giocatori, vale ampiamente una delle posizioni play off.

“Io sono portato a guardare il lato positivo di oggi è cioè in primo luogo la reazione dei ragazzi che sono tornati in partita nonostante il 45-33 dell’intervallo e il -16 di quasi fine terzo quarto.

“In secondo luogo l’aver salvato la differenza canestri contro una diretta concorrente (76-70 a Senigallia) che non equivale certo a una vittoria, ma era facile sul -16 crollare e perdere anche questo vantaggio, quindi in un momento e in campionato difficile come questo contano e parecchio anche questi particolari.

“Chiaro che domenica in casa contro Taranto vogliamo tornare alla vittoria, abbiamo bisogno di muovere la classifica, anche se poi il campionato si deciderà per tutti i verdetti nelle ultime giornate e il nostro settimo posto attuale è ancora molto molto buono.

“Oggi è stata una partita molto chiarificatrice per il prosieguo del nostro campionato, si sono visti bene i nostri difetti, ma sono apparsi in maniera evidente anche quelli che sono i nostri punti di forza, in primis il tipo di gioco che più consono alle nostre caratteristiche.

“La nostra ripresa – conclude Alessandro Valli – dovrà partire proprio da quest’ultimo aspetto, oltre al fatto di aumentare sensibilmente l’intensità difensiva senza regalare facili 1c1 e quarti di partita ai nostri avversari”.

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it