L’ennesimo talento italiano – e di casa nostra – emigrato all’estero

L’ennesimo talento italiano – e di casa nostra – emigrato all’estero

Vi proponiamo la storia di Massimiliano Muratori in questi giorni notato tra i vicoli della sua Urbino

L’ennesimo talento italiano – e di casa nostra – emigrato all’estero L’ennesimo talento italiano – e di casa nostra – emigrato all’estero L’ennesimo talento italiano – e di casa nostra – emigrato all’estero L’ennesimo talento italiano – e di casa nostra – emigrato all’estero

URBINO – Cosa possa il talento italiano e, soprattutto, di casa nostra, lo racconta questa storia che andiamo, ora, brevemente a raccontarvi. Le vicende sono belle quando, con estrema genuinità, ci si sbatte contro e fanno restare a bocca aperta. Quello che è accaduto a noi. Allora viene un groppo alla gola e ci si chiede perché le doti di una persona che ci sa fare non sono a disposizione del cosiddetto Belpaese e del proprio italico patrimonio culturale? Potremmo rispondere ma ci dilungheremmo in ciarle “trite e ritrite”. Vale molto più la pena andare avanti nella successiva azione del leggere e riflettere non dimenticando il 12enne nipote di Umberto Eco quando, durante il rito funebre civile, ha affermato “grazie nonno per le splendide storie che mi hai raccontato”. Anche io sono un nonno e voglio comunicare ai lettori una cronaca speciale.

“Tra i vicoli di Urbino abbiamo notato la presenza di un attento ‘osservatore’, accovacciato, momento dopo momento, giorno dopo giorno, in alcuni angoli della città, dedito a riprodurre gli scorci più suggestivi della città ducale. Incuriositi abbiamo indagato e abbiamo scoperto che ‘Massi’, al secolo Massimiliano Muratori, è un nostro conterraneo, uno dei tanti che negli anni ‘90 sono emigrati nel Nord Europa per trovare uno sbocco ai sogni.

Dopo un lustro trascorso a Lipsia (Germania) ed un biennio nella città eterna (Roma), si è diretto in Gran Bretagna, patria di Shakespeare e di  William Turner, tanto per fare due nomi, dove risiede tuttora. Accolto dalla comunità di Windsor, dove lavora al ‘Royal Windsor Information Center’ (avete capito e letto bene?!?!), grazie alla padronanza cinque lingue (Tedesco – Inglese – Castejano – Francese e Italiano), si è lasciato affascinare dagli scorci di una cittadina che trasuda storia da ogni angolo. Qui, all’età di 38 anni, ora ne ha 45, ha iniziato a disegnare scorci a mano libera e dal vivo, privo della benché minima formazione didattica (avete capito e letto bene?!?!). Incoraggiato e spronato da una collettività che di questa passione è ‘madre nutrice’, Massi ha lasciato che questa passione divampasse. Sostenuto dal ‘Windsor Festival’, Massimiliano Muratori, ha iniziato la redazione del ‘Royal Windsor Calendar’, ormai giunto alla 4^ Edizione, già in stampa il calendario 2017, che raccoglie ogni anno dodici nuovi scorci di Windsor. Questo gli ha consentito di ottenere sempre maggiori stime e apprezzamenti culminati, per ora, nella realizzazione della ‘Windsor Heritage Walk’, per il ‘Royal Windsor Information Center’ e nella lusinghiera commissione del ‘Theater Royal Windsor’ per l’anniversario dei 200 anni di attività. La stampa locale del ‘Berkshire Inglese già lo ha notato ….e noi vogliamo farvi eco per spronare uno dei tanti ‘italici ambasciatori’ sparpagliati per il globo, che tanto onore si fanno e ci fanno. Come diceva Camus: ‘Siate realisti, chiedete l’impossibile’. Massimiliano non l’ha chiesto, è stato realista e grande maestro di capacità e doti e di vita”.

Applausi Ladies and Gentlemen, Signore e Signori, Madame et Monsieur, Sehr geehrte Damen und Herren. (eg)

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it