Inaugurata all’Istituto Raffaello di Urbino una piccola mostra dedicata alla Grande Guerra

Inaugurata all’Istituto Raffaello di Urbino una piccola mostra dedicata alla Grande Guerra

A Urbino una piccola mostra dedicata alla Grande Guerra - 2016 Inaugurata all’Istituto Raffaello di Urbino una piccola mostra dedicata alla Grande GuerraURBINO – Sabato 23 gennaio è stata inaugurata all’ I.I.S. “Raffaello” una piccola mostra dedicata alla Grande Guerra. L’esposizione è stata realizzata grazie al contributo di Rodolfo Fraternale, che ha concesso per alcuni giorni i reperti e i documenti che ha raccolto in tanti anni di ricerca appassionata. “Nel periodo delle celebrazioni del centenario dell’entrata in guerra dell’Italia – dichiara Federico Cecchini, insegnante di Filosofia del plesso di via Oddi e ideatore dell’evento – alcuni docenti e ragazzi dell’istituto hanno voluto ricordare la prima guerra attraverso una immersione nell’atmosfera e nella vita di quegli anni spesi da tanti giovani tragicamente nelle trincee di guerra”. Manifesti, proclami, riviste, vignette, giornali d’epoca; quindi divise, oggetti di vita quotidiana, elmetti, diari, cartoline, foto. “Oggetti – suggerisce Cecchini – attraverso i quali la Grande Guerra diventa vicina, quasi familiare, con  i suoi momenti di normalità e quelli tremendamente tragici, tesi, assurdi”. Assurdi, ma anche eroici, come titola la mostra “Tutti eroi” e come illustrano alcuni pannelli realizzati dagli stessi ragazzi dell’Istituto, particolarmente colpiti dalla classe del ‘99, che conobbe gli orrori della guerra alla stessa loro età, e in tante occasioni seppe farsi onore. Completa la mostra la proiezione di numerose foto che ripercorrono la vita dei soldati al fronte e contemporaneamente l’ascolto di alcuni dei canti più belli e significativi nati nelle trincee italiane. L’esposizione rimarrà aperta fino alla fine di gennaio per le classi dell’Istituto scolastico e per quanti vorranno unirsi a loro nel ripercorrere gli ideali, le speranze, le illusioni, gli affetti, insieme alle sofferenze e alle tragedie vissute dai nostri antenati. (eg)

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it