Il Movimento 5 Stelle Mondolfo in tour a Marotta Sud, in un’area dimenticata dal Comune

Il Movimento 5 Stelle Mondolfo in tour a Marotta Sud, in un’area dimenticata dal Comune

Il Movimento 5 Stelle Mondolfo in tour a Marotta SudMAROTTA – “Premettiamo che avremmo voluto trovare, durante questo tour a Marotta zona Sud, delle eccellenze da valorizzare su cui porre maggiore attenzione, ma probabilmente –   si legge in un comunicato del Movimento 5 Stelle Mondolfo Marotta -, per il tempo limitato a nostra disposizione, ci spiace di non averne avuto l’opportunità; ricominceremo proprio da questo durante le prossime settimane a conclusione del nostro tour che ci porterà, anche nella parte più a nord di Marotta.

“Abbiamo negli occhi  ancora “quei bei scorci da cartolina di Mondolfo”,  uno dei più bei borghi  più belli d’Italia,  visitato poche settimane fa, dove la valorizzazione  di tante strutture di importanza storico culturale e non solo, è un dovere incompiuto per il rilancio turistico economico del territorio.    E mentre entriamo a Piano Marina, la prima sensazione è di forte desolazione, pare di essere in una “periferia della periferia”,  colpiscono, una cementificazione disordinata, alcuni collegamenti stradali letteralmente interrotti  e un marcato degrado del decoro urbano.

“Nella veloce tappa precedente, in località Sterpettine, ci erano state segnalate, da parte di alcuni cittadini, necessità primarie di sicurezza, quali, in prossimità del cavalcavia sull’A14,  la velocità elevata dei veicoli,  senza controlli e deterrenti, come strisce pedonali o semafori,  l’inadeguatezza di una fermata dell’autobus, a ridosso di una scarpata, senza ne pensilina ne panchina, svariate buche e dissesto del manto stradale ed altre problematiche.

“Anche a Piano Marina, cittadini che si dichiarano abbandonati da tutti e da tutto, ma non rassegnati, richiamano la nostra attenzione sulle stesse tematiche, inoltre – si legge sempre nel documento del Movimento 5 Stelle Mondolfo Marotta -, ci viene indicato, nascosto fra i canneti, il fosso “Bastia” dove, ci dicono, girano bisce e pantegane e scorre, alla luce del sole, un’acqua “saponata” che sprigiona fetore che poi,  intubata, raggiunge direttamente il mare.   Si lamentano che, d’estate fra i vari edifici, l’immondizia si accumula ovunque  per l’aumento dei residenti;  notiamo, per pura curiosità,  un fico che spunta da un tombino, quindi costeggiando dei giardini con giochi, in stato di quasi abbandono , passiamo per una stradina fangosa lunga circa 40 metri, ci confermano molto praticata, della quale, da tempo, sono in attesa di un intervento  per sistemare il percorso e l’illuminazione onde permettere un collegamento diretto e più sicuro con il rione di via Brodolini.

“Dopo che la lunga lista di altre cose da sistemare in zona Piano Marina, ormai ben nota a tutti, ci viene ripetuta a gran voce, ci muoviamo verso il sottopasso di Via Foscolo, passato alle cronache, non solo marottesi, per le recenti vicende riguardanti  sicurezza-esondazione e viabilità legate al progetto FFSS e comune di Mondolfo che tanta preoccupazione stanno ancora suscitando nella cittadinanza e che il M5S Mondolfo Marotta ha posto, da tempo in evidenza, anche a supporto dell’azione di Attraverso Marotta, in attesa di decisioni del TAR.

“Attraversato il sottopasso, ecco il mare!   Mirare l’orizzonte, per qualche secondo è sufficiente, dopo quanto sentito e visto, per ricaricarci  un po’ e ripartire … ma da dove?  Se volgiamo lo sguardo alla lunga spiaggia di sassi deserta e poi all’entroterra, la descrizione ci riporta all’abbandono del territorio, capannoni diroccati, reti arrugginite e cadenti, erba e arbusti lasciati crescere ovunque.

“Sostiamo rapidamente ai due sottopassi, stile bunker post bellico, che collegano il litorale alla SS16, e ci si domanda se le relative condizioni igienico ambientali rientrino negli standard richiesti: tombini rotti, sporcizia e acqua stagnante e maleodorante, muri imbrattati, siamo già ripartiti e qualcuno dice di aver visto anche un gatto morto proprio all’entrata dai condomini adiacenti.

marottaSPIAGGIA998“Si prosegue sul lungomare  dove la soluzione dei parcheggi, della pista ciclabile e del marciapiede con annessi “tamarig” , a detta di parecchi villeggianti, probabilmente merita una soluzione più idonea.   Ovviamente,  è fondamentale il discorso sulla spiaggia, la cui area, si è sempre più ridotta nel tempo, e merita, certamente, non solo l’attenzione massima da parte degli amministratori comunali, ma anche concretamente delle misure rapide che ne salvaguardino il buon mantenimento e la sicurezza.

“Siamo finalmente nella piazza dell’Unificazione che, probabilmente, qualche buontempone , intendeva rinominare grottescamente, cancellando alcune lettere dal cartello di segnaletica, speriamo che sia già stato disposto un intervento per porre rimedio a questo atto deplorevole.

“Il Movimento 5 Stelle Mondolfo Marotta – si legge in un altro passo del documento – si impegnerà per apportare le azioni correttive atte al rilancio del territorio e della sua economia, e invita tutti i concittadini a partecipare alle assemblee aperte, ogni lunedì ore 21.00, a Villa Valentina (sede temporanea) Marotta , per contribuire alla costruzione di un programma valido e realizzabile, vi aspettiamo”.

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it