Alla Biblioteca di Moie crescono gli utenti

Alla Biblioteca La Fornace di Moie crescono ancora gli utenti e aumentano quelli da fuori Comune

moielafornace99MOIE – Cresce ancora il numero degli utenti della biblioteca “eFFeMMe23” La Fornace di Moie e cresce la percentuale di quelli provenienti da fuori Comune, che sale dal 64 circa al 66 per cento. Una struttura, quindi, “patrimonio non di un singolo paese – osserva il consigliere delegato alla Cultura Sandro Grizi – ma di un territorio esteso a tutta la Vallesina. È un motivo di orgoglio, il fatto che aver puntato sulla realizzazione di una biblioteca abbia ottenuto un risultato così edificante e, per le sue proporzioni anche sorprendente, che deve unire nella soddisfazione tutti coloro che hanno a cuore la crescita e lo sviluppo della nostra comunità, nel senso più ampio del termine”.

Sono stati 4.674 gli utenti della biblioteca nel 2015, di cui 3.089 da fuori Comune. Nel 2014 gli iscritti erano stati 4,289 e 2.775 quelli non residenti. Il trend di crescita del numero degli utenti non si è mai fermato, a partire dai 1.198 utenti del primo anno, il 2008, di attività. Sono in leggero calo, invece, i prestiti rispetto al 2014: da 43.411 ai 40.093 dell’anno passato. “E comunque nel 2015 ogni utente – spiega la bibliotecaria Stefania Romagnoli – ha letto o guardato in media 9 fra libri o dvd all’anno. Un dato straordinario, visto che l’Istat ha certificato come, tra chi si dedica alla lettura, il 45,5 per cento legge al massimo tre libri all’anno”.

Ma gli utenti de “La Fornace” di Moie non sono solo sempre più numerosi ma anche sempre più “digitali”. I possessori della bibliocard possono utilizzare gratuitamente due piattaforme online, Indaco e Medialibrary, due vere e proprie biblioteche digitali che che offrono  gratuitamente ebook, musica, video, dizionari, film, corsi di lingue, audiolibri, videogiochi, banche dati e molto altro ancora. “Medialibraryè attiva da un anno – spiega sempre la Romagnoli – e Indaco da questo mese di gennaio. E sono tanti i nativi digitali e non, che sono passati dalla carta al libro elettronico. I  649 iscritti di Medialibrary in un anno testimoniano che il futuro è già qui, alla biblioteca La Fornace”, Non solo. Come novità da quest’anno, le due piattaforme online consentono di avere uno spazio personale per accedere, direttamente dal computer di casa o dal proprio smartphone, ai servizi di richiesta prestito, prenotazione e richiesta di consultazione. Servizi che dimostrano come la struttura di Moie sia in grado di rispondere a tutte le esigenze, anche le più tecnologiche, del folto e variegato popolo dei lettori.

D’altronde i frequentatori della biblioteca utilizzano, da sempre, gli spazi del centro culturale anche per collegarsi ad Internet, per consultare i quotidiani, prendere in prestito dvd e per seguire le tante iniziative culturali e ricreative organizzate al suo interno, anche queste aumentate in modo esponenziale negli ultimi anni. Per quanto riguarda gli spazi del centro culturale “eFFeMMe23”, sono stati utilizzati 673 volte da associazioni, privati e Amministrazione comunale (contro le 518 volte del 2014), per un totale di ben 81 eventi.  La biblioteca utilizza gli spazi per le proprie iniziative ma li mette anche a disposizione a privati o a associazioni, dando in affitto l’anfiteatro della biblioteca, la sala Joyce Lussu, il Binario 9 e ¾ e il tunnel della fornace.

Il sindaco Umberto Domizioli ci tiene a sottolineare come “a rendere possibile l’attività della biblioteca è anche il sostegno di diversi partner, amici della biblioteca, la cui attenzione e sensibilità hanno reso possibili e renderanno possibili anche nel futuro importanti progetti”. Si tratta di Ubi Banca popolare di Ancona e dell’azienda agricola Terre Cortesi Moncaro.

Dal punto di vista organizzativo, collabora con La Fornace l’Università degli adulti della Media Vallesina. Un aiuto anche questo fondamentale. Un gruppo di iscritti dell’ateneo esercita il volontariato in biblioteca coprendo turni di vigilanza e adoperandosi per le attività più varie, dall’inserimento delle copertine, dei chip e delle etichette ai libri, alla sistemazione dei locali durante gli eventi. La “eFFeMMe23” ha anche avviato un progetto di collaborazione con le associazioni maiolatesi, per creare iniziative comuni. C’è uno spazio allestito per loro all’intero della biblioteca, per divulgare le loro attività e progetti. Inoltre è nata la pagina Facebook “A Maiolati Spontini c’è”, come altro strumento di promozione delle iniziative.

In biblioteca ci sono cinque circoli gratuiti rivolti a grandi e bambini: Radio Mix 9 e ¾, il Circolo Letterario, i Giochi da tavolo, Un filo che unisce e La leche league.

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it